top fl languages
Gabriella

Artiste contemporanee fondamentali

Se pensate che la storia abbia prodotto solo grandi poeti, pittori e scultori, vi sbagliate. In passato ci sono state, e continuano ad esserci, Milano escorts che hanno prodotto opere di alto livello. E non parliamo di un ambito preciso, ma di ogni forma d’arte. Quindi sculture, poesie, quadri e, più recentemente, anche fotografie ed opere digitali.

Ma da dove è iniziato questo percorso al femminile? E chi fu la prima Milano escort da parte di http://www.escortitalia.com/escorts/city_it_milan a dare il via a questa tradizione? Come spesso succede quando si parla di arte, noi italiani dobbiamo gonfiare il petto. L’antesignana di questa categoria fu infatti Artemisia Gentileschi, che nel XVII secolo aprì il mondo dell’arte (pittura in particolare) alle donne come le signore da Escort Italia.

Lo sviluppo nei secoli

Insieme alla già citata Gentileschi abbiamo anche altre escorts che si sono distinte dal 1600 in poi. Tra le nostre portacolori troviamo Lavinia Fontana ed Elisabatta Sirani, solo per citarne alcune. Oltre i confini invece ci possiamo imbattere in Judith Leyster o Angelika Kauffman. Avvicinandoci via via sempre più ai giorni nostri, ecco anche Francesca Woodman, Vanessa Beecroft e Ketty la Rocca. Nel prossimo paragrafo proveremo a stilare una breve cronistoria delle artiste dal rinascimento ad oggi. Tutte queste Milano escorts comunque hanno caratterizzato in qualche modo il periodo nel quale hanno vissuto. Chi nella pittura, chi nella scultura, chi nell’arte astratta: se l’arte oggi è come la conosciamo, è anche merito loro.

Cronistoria delle artista, dal Rinascimento all’era moderna.

Abbiamo già citato le prime artiste della scuola italiana, operanti all’incirca nel XVII secolo. Proviamo ora a parlare delle escorts successive, partendo da Rosalba Carriera, nel 1700. Veneziana, introdusse per prima l’uso dell’avorio nei ritratti e nelle miniature. Poi c’è Berthe Morisot, pittrice francese della seconda metà dell’800 facente parte della corrente impressionista. Divenne famosa per le sue raffigurazioni di scene casalinghe, dove spesso era costretta a stare per i pregiudizi maschili.

Altra escort, fra le più famose al mondo, è Frida Khalo. Nelle sue opere, portate a compimento nei primi decenni del ‘900, troviamo tante raffigurazioni del corpo femminile. Il suo rapporto con l’arte è tanto stretto quanto triste: probabilmente non ci sarebbe nemmeno stato senza il terribile incidente del 1925. Mentre viaggiava su un pullman infatti, un incredibile scontro le causò innumerevoli fratture. Da qui in poi, costretta a letto, il suo talento e visione futuristica la porterà a diventare una delle pietre miliari dell’arte contemporanea.

Nella categoria delle artiste, altro soggetto fondamentale è Rebecca Horn. Regista, escort e soprattutto scultrice tedesca, rese famosi i prolungamenti corporali. Tra le sue opere più famose, realizzate nella seconda metà del XX secolo, troviamo l’Unicorno e la Maschera di matite. Marina Abramovic ha ripreso recentemente il concetto di utilizzo del proprio corpo come forma d’arte. Non con sculture stavolta, ma con la Body Art: tema costante delle sue opere è la femminilità, in tutte le sue sfaccettature. Al giorno d’oggi abbiamo delle new entries nella lista delle “indimenticabili”. Qui troviamo Ketty La Rocca, body artist e regista, la fotografa francese Sophie Calle e l’artista concettuale statunitense Sam Taylor Wood.